For a better experience please change your browser to CHROME, FIREFOX, OPERA or Internet Explorer.
Varie

proposta attività-investimento pesca sportiva a Capo Verde


  • proposta attività-investimento pesca sportiva a Capo Verde
Descrizione
Data Pubblicazione : 29 Aprile 2021
Prezzo € : 20.000
Tipo di Prezzo : Non Negoziabile
Tipo di Annuncio : Quote di società
Fatturato Annuo : Disponibile su Richiesta
Località : VIALE XXIV MAGGIO, 55

Il progetto consiste nel concorrere, con 20.000 euro, alla rilevazione del 50% della quota di proprietà di una barca da pesca sportiva di 12 mt. operante nelle acque dell’ isola di Sal, Capo Verde. Il proprietario attuale di tale quota la cede perchè per motivi di salute ha bisogno di liquidi e di ritirarsi.

Ciò che giustifica un investimento nell’arcipelago in questo momento è il forte tasso di sviluppo da cui è investito l’arcipelago. Mentre il covid ha provocato solo una temporanea battuta di arresto, le previsioni sul turismo riferiscono un aumento, per la sola isola di Sal, dalle 400.000 presenze attuali a 780.000 in due anni. Le grandi catene come TUI,MELIA e altre, hanno acquistato terreni per costruire nuovi relais,. ugualmente gli altri resorts stanno almeno raddoppiando le camere. La crescita pre-covid del PIL del paese era all’8%, uno dei 10 paesi al mondo con la massima crescita, e lo sviluppo in atto va almeno a mantenere questo tasso negli anni a venire, con l’attenuarsi progressivo dell’emergenza, che seppure si prolungherà forse anche in parte nel 2.022, speriamo non si protragga ulteriormente.

In questo scenario, ciò che manca sono attività di intrattenimento per una mole dalle 12 alle 15.000 di turisti che ogni settimana sbarcano sull’ isola, e oltre a stare in spiaggia avranno voglia di svolgere attività. Attività ed escursioni ve ne sono, ma non sufficienti neanche per la clientela attuale ( in riferimento al periodo pre-covid ). ciò rappresenta un’opportunità. In questo frangente, particolarmente attrattiva sarà, tra le altre, l’attività di caccia allo squalo svolta dalla barca. Si esce al largo, si pastura, arrivano pesci di ogni genere a fare la mangianza. Dopo due o tre ore tutta questa attività attira gli squali: squali limone, nutrici, grigi e soprattutto squali tigre, anche di 5 mt. A quel punto si usa come esca un grosso pezzo di tonno e si armano canne, lenze e mulinelli adatti: la cattura di almeno uno squalo è assicurata. A quel punto il cliente scatta la foto con la sua cattura ( lo squalo viene recuperato sotto bordo, non issato sul ponte ), dopodichè si libera il pesce.

Fortuna vuole che il bacino di turisti maggiormente rilevante a Capo Verde è quello degli inglesi, i quali, sostanzialmente sono già usciti dall’emergenza, hanno già programmato 6 voli settimanali sull’ isola di Sal dal 17 maggio. Da giugno tornano i tedeschi, iniziando con 5 voli alla settimane, e olandesi e belgi ( 5 voli ). A novembre, quando intendiamo di rilevare le quote, vi sarà già un discreto bacino di utenti.

Un vantaggio è che non vi è da impiantare alcuna attività da capo, bensì di subentrare in un’attività già avviata con un bacino di clienti, accordi con le agenzie e bilancio ben consolidati.

La resa possibile dalle attività di caccia allo squalo (catch&realise), traina d’altura e bolentino vanno sui 50-60 mila euro all’anno al netto di costi di personale, carburante e esche. Tassazione 4% sul fatturato, sotto forma di IVA, e basta.

Il valore dell’ imbarcazione, considerando che è in possesso di tutte le licenze e autorizzazioni, che l’attività è avviata, e che da ora in poi non saranno date altre licenze per qualche anno, è di 80.000, metà della quota di proprietà quindi 40.000.

Cerchiamo un socio di investitore che concorra all’acquisto di questa quota con 20.000 euro.

La quota di rendimento di chi parteciperà sarà del 33% di questo importo per 3 anni, ovvero 6.660 all’anno ( 555 al mese ) + super bonus di uscita al 3° anno di 5.000 euro. Totale rendita in 3 anni = 125%, pari a oltre il 41% annuo rispetto al capitale investito.

Oltre all’ equipaggio, due marinai, vi sarà uno dei soci, detentore dell’altro 50% di quota, che fungerà da gestore generale dell’attività, occupandosi del marketing e della gestione generale operativa.

Se il socio subentrante vorrà anche essere socio operativo, ovvero se è in grado di condurre l’imbarcazione ed effettuare l’attività. La quota sarà maggiore con un incremento che sarà oggetto di contrattazione.

Potremmo valutare l’offerta di un viaggio esplorativo in loco a chi sia interessato.

Per ulteriori informazioni contattatemi qui o ai riferimenti presenti sul sito del nostro tour operator Capoverdeavventura.

 

 

 

 

Menziona il sito CompraVenditaAziende.it quando contatti la controparte per avere un buon affare.


Top